Polycarbonate vs glass

Il vetro è uno dei materiali più conosciuti. Come policarbonato, plexiglass/PMMA e vetroresina, è molto trasparente, avendo un coefficiente di trasparenza compreso tra i valori di 0,80 e 0,90. Se utilizzato per coperture è normalmente sottoposto ad un processo di tempratura termica, in modo da resistere agli urti e non essere pericoloso. Sottoponendolo al suddetto trattamento, infatti, si evita che, in caso di impatto, i frammenti si sbriciolino rischiando di ferire chi lo utilizza. A differenza dei materiali plastici, la lastra di vetro se urtata si frantuma in piccole parti acuminate formando una “ragnatela concentrica”.

Risulta meno resistente rispetto ad un materiale plastico, infatti è facile romperlo in fase di messa in opera. Resiste solo fino a 10 Joules di carico, ha una resistenza meccanica che si aggira intorno ai 170 N/mm² (valori per lo spess. di mm. 4) e, considerando il suo peso intrinseco, ha bisogno di un ancoraggio importante in caso di realizzazioni in sospensione, quali pensiline e simili.

Tra i materiali in commercio, il vetro viene attualmente sconsigliato qualora si vogliano realizzare delle pensiline o delle strutture autoportanti.

Riassumendo possiamo dire che:

Vantaggi del vetro:

  • Trasparenza
  • Non risente di agenti chimici

Svantaggi del vetro rispetto al policarbonato:

  • Facile rottura e frammentazione
  • Peso del materiale
  • Meno resistente
  • Più costoso di materiali plastici

Vantaggi del policarbonato:

  • Resistenza termica e meccanica
  • Durezza e Resistenza
  • Resistenza al carico e alla spinta vento
  • Leggerezza
  • Trasparenza
  • Duttilità
  • Resistenza al fuoco
  • Isolamento termico
  • Riciclabilità e Facilità di pulizia
  • Spessore variabile